Viaggiare, Vivere, Lavorare, Studiare, Emigrare

Istruttrice di Fitness da Rovigo a Sydney

Condivi l'Articolo!Share on Facebook75Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn2Pin on Pinterest2Email this to someone

Oggi parliamo con Alice, una ragazza di Rovigo che da quasi un anno vive in Australia a Sydney.

Ha fatto un interessante esperienza di lavoro e studio in Australia nel settore dello sport, personal trainer e fitness.

A lei la parola.

Istruttrice di Fitness da Rovigo a Sydney

Prime impressioni appena arrivata a Sydney

Arrivo da Rovigo e in Italia ho fatto vari lavori ma in particolare l’ultimo anno sono stata preparatrice di atletica e ho insegnato educazione fisica alle medie e elementari.

La lingua non è mai stata un problema perché fortunatamente sapevo già abbastanza bene l’inglese.
La gente è molto amichevole, tanta disponibilità, quando sei perso per la strada è molto probabile che siano loro a fermare te per chiederti se hai bisogno d’aiuto.

Però l’impatto è stato forte, quando arrivi quì puoi essere preparato quanto vuoi, ma vivere la realtà è un po diverso, poi dipende da quanti anni uno ha, ma quando arrivi da solo devi arrangiarti in tutto.

Come ho trovato Lavoro a Sydney

Il mio primo lavoro è stato in cucina, perché in Italia avevo anche esperienza nella ristorazione, a Sydney è più facile trovare lavoro nell’ambito della ristorazione come primo lavoro tipo aiuto cucina (kitchen hand).

Ho iniziato come tutti il pellegrinaggio dei curriculum come lo chiamo io, con curriculum alla mano si va per tutti i ristoranti.

Tutti dicono sempre di evitare gli italiani, perché a volte sono peggio degli stranieri, però io ho lavorato sempre con italiani e mi sono trovata bene.
Il primo lavoro è stato kitchen hand in un pub pizzeria con cucina tutta italiana, un pub abbastanza gettonato perché è stato nominato fra i 20 migliori di Sydney per la pizza.

 

Guarda la Video Intervista

Corso Certificate 3 in Fitness

Poi ho interrotto questa esperienza perché avendo un background sportivo ho voluto cercare di aumentare il mio bagaglio di conoscenze a livello tecnico frequentando un corso al TAFE.

Un corso Fast Track perché con il Working Holiday Visa non puoi studiare più di 4 mesi, di conseguenza ho scelto un corso rapido di 2 mesi e mezzo.
Io volevo lavorare nelle palestre e nel settore sportivo, quindi il livello base per lavorare in questo settore è Certificate 3 in Fitness e in pratica diventi una sorta di Personal Trainer, poi ci sono anche altri livelli come il Certificate 4 e Diploma in Fitness.

E’ stato un corso bello intensivo, molto interessante, molto formativo, per chi ha a che fare con i corsi di fitness in Italia, è un corso a 360 gradi dove fai anatomia, fisiologia e materie serie, è la stessa cosa di un corso college solo che è svolto in 2 mesi e mezzo invece che 6 mesi e costa molto di più perché è un fast track.

La cosa positiva è che ero l’unica italiana, l’unica straniera nel corso, per cui ero abbastanza soddisfatta di frequentare solo con australiani.
Conclusa questa esperienza del corso, ho ripreso il lavoro da kitchen hand, quasi su chef, in un altro ristorante italiano, dove ho lavorato per 3 mesi, fino a quando ho eiciso di partire per questo viaggio verso nord.

 

Trovare lavoro nel Fitness come Personal Trainer?

Inizialmente quando avevo cominciato a cercare lavoro in questo settore mi dicevano che sarebbe stato abbastanza difficile trovare se non avessi avuto questo certificato di base che include il corso di primo soccorso e così ho fatto il corso.

Successivamente mi hanno risposto che non ero residente permanente, avendo un visto a tempo limitato con il WHV.

Perciò dipende, perché ho conosciuto un ragazzo di Bergamo che lavora da 3 anni in una grande palestra, ed è entrato con il WHV.

Quindi secondo me è tutto molto relativo, come il 90% delle esperienze australiane.

 

Progetti per il futuro

Credo che mi sia servito venire qua perché ho capito che voglio lavorare nel settore sportivo.
Che io vada in italia per restarci o che mi prenda il pallino per un secondo anno, credo comunque che cercherò di stare nel settore sportivo.

Intanto la farm, sia per il secondo working holiday, e sia perché non vedo l’ora di stare in mezzo alle mucche, i cavalli, la vita vera dell’Outback
già il fatto di poter girare sarà bellissimo.

Cerco di non mettermi più obiettivi a lunga scadenza, anche perché in Australia è difficile pianificare, oggi va così e domani succede qualcosa e va completamente in un altro modo.

Concluso l’anno tornerò a casa, non so se scenderò ancora, intanto mi tengo aperte le possibilità con il secondo visto, e chi vivrà vedrà

Chi ha voglia di partire parta, meno pensieri negativi, cercare di essere sempre positivi in modo da autoalimentare la gioia del viaggio

e in groppa al canguro

Alice

 

Ascolta il Podcast

Se ti è piaciuto leggere l’articolo: Istruttrice di Fitness da Rovigo a Sydney, clicca su i pulsanti qui sotto per condividerlo con i tuoi amici.

Condivi l'Articolo!Share on Facebook75Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn2Pin on Pinterest2Email this to someone

Lascia un Commento

commenti

1 commento
  1. mi puoi aiutare a capire come fare e dove mi posso informare per lavorare in australia