La mia esperienza come Ragazza alla Pari - Au Pair

CHE COS’E’ UN AU PAIR

Una ragazza/un ragazzo au pair è un giovane che desidera vivere in una famiglia in un Paese straniero per imparare la lingua e conoscere la cultura di questo Paese.
Solitamente le famiglie preferiscono ragazze ma a volte vengono selezionati anche ragazzi.

 

QUALI SONO LE MANSIONI DELLA RAGAZZA/O ALLA PARI?

I compiti della ragazza/o alla pari consistono nell’occuparsi dei bambini e – dove desiderato – degli animali della famiglia e dei lavori domestici leggeri. Per lavori domestici leggeri si intendono lavori quali apparecchiare, sparecchiare, lavare i piatti o fare il bucato e stirare i vestiti dei bambini di cui si ci occupa (no pulizie di primavera, no lavare panni sporchi dell’intera famiglia). Ovviamente si ci accorda con la famiglia e ci possono essere eccezioni.
 

CHE COSA RICEVE IN CAMBIO?

In cambio del suo lavoro, la ragazza o il ragazzo alla pari riceve

  • alloggio gratis in una stanza singola. Aupair world (http://www.aupair-world.net), uno dei siti migliori in questo campo, come criteri di accettabilità della stanza riporta “stanza di 9 metri quadrati minimo, arredata, dove c’è la luce del giorno e che dispone di finestre che si aprono e di riscaldamento”
  • vitto gratis uguale a quello di tutti gli altri membri adulti della famiglia, ivi compreso la partecipazione a tutti i pasti e accesso libero al frigorifero della famiglia.
  • una paghetta a seconda le usanze del paese dove lavora, in ogni caso minimo 60 euro alla settimana.

 

COME DIVENTARE AU PAIR

Ci sono diversi siti e agenzie a cui si ci può rivolgere per fare le ragazze alla pari.
Io mi sono trovata molto bene con www.aupair-world.net
Ti iscrivi, crei il profilo e poi puoi contattare le famiglie che ti interessano oppure ti contattano loro.
Io non ho pagato nulla perchè di solito è la famiglia che paga una cifra per diventare membro premium e per contattare le ragazze.
Tra l’altro anche conosco altre ragazze che hanno utilizzato il sito e si sono trovate bene.
Ovviamente il sito non seleziona nè le famiglie nè le ragazze, per cui è sempre un po’ un rischio!
Io personalmente sono stata fortunata!

 

SEI ADATTO/A A QUESTO LAVORO SE

Sei una persona adattabile. Devi saperti adattare e rispettare i valori della famiglia anche se non li condividi, devi rispettare i loro orari e in generale le loro abitudini.

Non hai molti soldi (o ne vuoi spendere pochi). Di solito la famiglia non paga il volo ma tutto il resto si, ovvero vitto e alloggio, per cui le tue uniche spese sono i tuoi divertimenti; e considera che per fare questo lavoro vieni pagata per cui se sei brava, non solo non spendi ma puoi addirittura metterti da parte due soldi.

Hai voglia di immergerti davvero nella cultura locale. Se vuoi conoscere la cultura del paese in cui vivi questa è un ottima strada. A partire dalla cucina, allo slang, alle loro visioni particolari del mondo.

Sei disposta a rinunciare per un po’ alla vita notturna. Spesso si vive fuori città e si è lontano dai divertimenti e comunque anche se vivi in città non puoi pensare di rientrare tutte le sere alle 3. Anche se teoricamente alla sera non lavori è una questione di modello che passi ai bambini. Io al weekend sono libera e me ne vado a Sydney, ma dormo in ostello e torno alla domenica!

Se non fumi. Diciamo che se non fumi è meglio. Parlando con diverse mamme ho capito che non sono ben accette le ragazze che fumano. Anche se lo fanno fuori casa e non davanti ai bambini. Come dicevo sopra è questione dell’esempio che diamo. Chiedersi sempre, che modello proponiamo ai bambini con il nostro comportamento?

 

CONSIGLI DA PARTE DI CHI HA VISSUTO QUESTA ESPERIENZA

– Selezionare bene la famiglia: Non ti piace lavorare con i bambini piccoli? Preferisci vivere in una grande città? Odio gli animali? Non hai intenzione di fare lavori di casa? Allora specificalo nel tuo profilo o nelle tue preferenze quando ti iscrivi ai siti. Una volta arrivata a destinazione certe cose non si possono cambiare. E non è nemmeno professionale lasciare la famiglia dopo 2 settimane perché le condizioni non ci soddisfano (a meno che la famiglia non si comporti realmente male o che le condizioni che si erano accordate prima della partenza poi non vengano rispettate). Se hai qualche dubbio chiedi prima di dare la tua disponibilità. Penso che la fase di selezione sia realmente importante perché poi si ci ritrova diversi mesi a fare un lavoro e soprattutto a vivere con delle persone per cui è bene avere le idee chiare, esprimere chiaramente le proprie esigenze e trovare la famiglia che più si avvicina a quella con cui idealmente vorremmo lavorare.

Corso di inglese si, corso di inglese no: questo è un bel dilemma. Il mio consiglio è di valutare a seconda dei casi. Il corso, se il vostro inglese è scarso è utile per migliorarlo e vivere anche meglio in famiglia, nel caso il livello sia già intermedio potrebbe essere utile per prendere delle certificazioni come l’IELTS o qualche esame Cambridge. Inoltre, soprattutto se non si vive in città (o anche se si vive nei suburbs) è utile per conoscere gente. Quando si arriva non si conosce nessuno e stare sempre con dei bambini e con i genitori non aiuta a conoscere gente nuova. Dopo un po’ diventa pesante, fidatevi. Il corso è secondo me è un buon compromesso per unire l’utile al dilettevole: imparare l’inglese (e magari prendere una certificazione) e conoscere gente. Sottolineo, tra l’altro, che parlare con i ragazzi che si conoscono è uno dei migliori modi per migliorare il proprio inglese. A questo punto, se si opta per fare un corso, i casi sono due:

– O si dice esplicitamente alla famiglia che la nostra intenzione è fare il corso di inglese e ci si accorda sulle tempistiche (per esempio la mia famiglia mi ha detto che io posso fare il corso alla mattina basta che sia a casa per le 3.00 pm per predere i bambini da scuola)

– oppure si cercano programmi su internet di Demi-pair come questo: http://www.sprachcaffe.com/au/english/demi-pair-sydney.htm Basta digitare Demi-pair Australia e usciranno tantissime agenzie che se ne occupano. Una Demi-pair è una studentessa (di un corso di inglese) full-time (ovvero che fa un corso full-time che di solito vanno dalle 9 di mattina alle 3 di pomeriggio) che lavora part-time in famiglia (di solito 20 ore a settimana).

– Facebook: su facebook potete trovare diversi gruppi con l’intento di far conoscere e incontrare le ragazze alla pari in giro per l’australia. Provate a cercare “AuPair & Work and Travel Australia” oppure “Aupair in Sydney” , “Melbourne aupair” etc etc..

Good luck guys! 😀

Tratto da: http://eschiusami.blogspot.com

 

Lascia un Commento

commenti

3 Commenti