Viaggiare, Vivere, Lavorare, Studiare, Emigrare

Morfologia

Condivi l'Articolo!Share on Facebook23Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn2Pin on Pinterest5Email this to someone

Morfologia

A causa dell’antichità delle rocce australiane, il tempo ha permesso che queste venissero erose a lungo.

Questo si traduce in una scarsità di rilievi particolarmente pronunciati, e in una presenza, invece, di larghe distese pressoché pianeggianti, che sono conosciute con il nome di Grande Scudo Australiano.

Nel territorio del continente si distinguono, approssimativamente, tre diverse regioni morfologiche.

Australia Occidentale

La porzione occidentale dell’Australia è quella occupata dal già citato Grande Scudo Australiano. La maggior parte della superficie è ricoperta da zone aride e desertiche. Fra i deserti che si trovano in queste zone sono da nominare il Deserto Simpson, un deserto sabbioso con dune che si alternano a depressioni di natura argillosa, e il Gran Deserto Australiano, che comprende spazi desertici di natura sabbiosa.

In questa zona si trova anche il Nullarbor Plain, ovvero una distesa priva di rilievi e di vegetazione (da qui il suo nome). Quest’area, particolarmente estesa, è quasi totalmente disabitata e risulta essere ostica. Per molti australiani il Nullarbor Plain è la rappresentazione più significativa dell’Outback australiano.

I monti di questa zona sono piuttosto bassi, e raggiungono a malapena la metà dell’altezza delle cime più alte del paese.

Australia Centrale

Nella porzione mediana del paese si ritrova una fra le aree più fertili del continente, ovvero il Grande Bacino Artesiano. Con un’estensione che supera il 20% di tutto il territorio australiano, il Grande Bacino Artesiano rappresenta la principale fonte di acqua potabile del paese, acqua che, grazie alla sua pressione, risale fino in superficie spontaneamente.

La vera perla del centro Australia è però Uluru, la grande roccia rossa che è uno dei simboli per eccellenza del paese. Questo masso, anche detto Ayers Rock, ha un’altezza di oltre 800 metri ed un colore rosso cangiante dovuto alla presenza del ferro. Uluru rappresenta un elemento importante nella storia degli aborigeni, che la considerano, ad oggi, un elemento sacro.

Australia Orientale

Nonostante queste zone siano per lo più pianeggianti, è qui che si ritrovano i rilievi montuosi più alti del paese.

Qui infatti si staglia la Grande Catena Divisoria, la catena più lunga d’Australia e una fra le più lunghe al mondo. Essa è lunga circa 3500 km e procede dal nordest fino al sudest del paese., con una larghezza variabile. Al suo interno si ritrova la cima più alta del paese, ovvero il Monte Kosciuszko.

Coste, laghi e fiumi

Le coste australiane sono articolate e variano molto da zona a zona. In generale tutte le coste, specialmente quelle settentrionali e orientali, sono molto frastagliate e presentano insenature e golfi. Altre coste si presentano invece più regolari e sabbiose. Al largo della costa nord est è presente la Grande Barriera Corallina, la più lunga barriera corallina naturale al mondo.

L’Australia possiede per la maggior parte laghi salati, che si concentrano nella zona nordovest del paese. Fra questi i più importanti sono il lago Lago Eyre, il lago salato più grande al mondo, il Lago Gairdner e il Lago Torrens.

Data la natura desertica dell’Australia, molti fiumi sono di breve durata e generalmente si estinguono ben prima di trovare uno sbocco sul mare. Fra i fiumi più importanti si ricordano il Fitzroy e il Murray, che, con una lunghezza di 2500 km, è il fiume principale del paese.

Condivi l'Articolo!Share on Facebook23Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn2Pin on Pinterest5Email this to someone

Lascia un Commento

commenti