Viaggiare, Vivere, Lavorare, Studiare, Emigrare

Valuta

Condivi l'Articolo!Share on Facebook27Tweet about this on TwitterShare on Google+7Share on LinkedIn0Pin on Pinterest3Email this to someone

Valuta

 

La valuta utilizzata in Australia è il dollaro australiano.

La valuta, il cui dollaro è suddiviso in 100 centesimi, è stata introdotta ufficialmente nel 1966 e viene indicata con lo stesso simbolo utilizzato per il dollaro, talvolta preceduto da una “A” ($ o A$).

Storia

Il dollaro australiano venne introdotto per la prima volta il 14 febbraio del 1966. prima di allora si era usata, fin dal 1910, la sterlina australiana. Nel 1966 il cambio era di due dollari per sterlina australiana.

Precedentemente all’introduzione del dollaro australiano, erano stati molti i nomi proposti per la nuova valuta, nomi che però si rivelarono decisamente impopolari. Alcuni di questi erano decisamente fantasiosi, e molti si ispiravano ai tradizionali simboli australiani, quali il boomerang, il canguro o l’emù.

Le monete

Tutte le monete attualmente prodotte dalla zecca australiana presentano l’effige della Regina Elisabetta II. Le monete sono da 5, 10, 20 e 50 centesimi, queste sono quelle conosciute come monete “d’argento”, e da 1 e due centesimi, conosciute come monete di “bronzo”. Le monete da 50 centesimi, originariamente circolari, oggi hanno la forma di un dodecagono.

Le monete “d’oro”, da 1 e 2 dollari, sono state introdotte rispettivamente nel 1984 e nel 1988 per rimpiazzare le banconote del medesimo valore.

Negli anni sono state prodotte diverse monete a scopo commemorativo, in particolare sono state create versioni speciali delle monete da 20 e da 50 centesimi e da 1 e 2 dollari. In aggiunta, la zecca, di tanto in tanto, rilascia delle versioni delle monete australiane da collezione.

Le banconote

Nel 1966 è stata rilasciata la prima serie di banconote australiane. Esse erano semplicemente fatte di carta, e inizialmente ne erano stati rilasciati solo quattro tagli, con valore di 1, 2, 10 e 20 dollari. A queste si aggiunsero, negli anni successivi, altri 3 tagli, quello da 5 dollari, quello da 50 e quello da 100. Le banconote da 1 e due dollari sono state sostituite dalle monete del medesimo valore.

Nel 1988 vennero realizzate le primissime banconote in polimero, la prima delle quali è la banconota da 10 dollari. La serie ebbe però alcuni problemi, specialmente legati all’ologramma che ne garantiva l’autenticità. Nel 1996 esce la serie definitiva, ottimizzata e perfezionata, che viene usata attualmente. L’Australia vanta il primato di essere la prima nazione al mondo a possedere una serie completa di banconote realizzate in polimero.

I tagli delle banconote sono 5, ovvero quello da 5 dollari, colorato di rosa, quello da 10, colorato di blu, quello da 20 colorato di rosso, quello da 50, colorato di giallo, e quello da 100, colorato di verde. Su ogni banconota è presente l’effige di due diversi personaggi, uno per il fronte e uno per il retro. Questi, nell’ordine di valore crescente, sono la Regina Elisabetta II e sul retro il disegno della Parliament House, Banjo Paterson e Mary Gilmore, Mary Reibey e il reverendo John Flynn, David Unaipon e Edith Cowan, Nellie Melba e Sir John Monash.

Diverse versioni della banconota da 5 dollari sono state rilasciate, una delle quali presenta l’effige di Sir Henry Parkes, il padre della Federazione Australiana, sul fronte, e quella di Catherine Helen Spence sul retro.

Condivi l'Articolo!Share on Facebook27Tweet about this on TwitterShare on Google+7Share on LinkedIn0Pin on Pinterest3Email this to someone

Lascia un Commento

commenti