Viaggiare, Vivere, Lavorare, Studiare, Emigrare

Viaggiare sicuri in Australia

Condivi l'Articolo!Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Viaggiare in sicurezza

L’Australia è un paese fantastico, una terra che offre numerose opportunità dove la natura selvaggia convive pacificamente con metropoli industrializzate e moderne. Dal mare all’entroterra, gli scorci paesaggistici sono da favola, e l’Australia è una meta sempre più gettonata per viaggi all’insegna dell’avventura.

Come ogni paese straniero però l’Australia cela diversi pericoli da cui bisogna tutelarsi. In questo articolo vi forniremo una guida completa ed esauriente per viaggiare sicuri in Australia, consigliandovi le migliori assicurazioni viaggio da stipulare e le contromisure sanitarie da adottare per preservare la propria incolumità.

Quando si parte per una vacanza all’estero è opportuno sottoscrivere un’assicurazione viaggio, soprattutto se si travalicano i confini europei. Una polizza viaggio contiene diverse garanzie aggiuntive che possono ritornare molto utili, come l’assicurazione annullamento viaggio o l’assicurazione smarrimento bagagli.

Nel primo caso, se per motivi personali (incidente, infortunio, malattia, lutto, opportunità di un nuovo lavoro) siete costretti ad annullare il viaggio, potete recuperare tutta o buona parte delle spese che avete anticipato, dal volo al soggiorno in albergo, ecc. Nel secondo caso, se dovessero smarrirsi le valige tra un volo e l’altro, sarete rimborsati del danno con la possibilità di avere un kit di emergenza sanitaria per le necessità basilari. L’assicurazione contro lo smarrimento dei bagagli risulta anche molto utile se state pensando ad una vacanza studio-lavoro in Australia.

Tra l’Italia e l’Australia c’è un accordo in materia di assistenza sanitaria, grazie alla quale i turisti italiani possono usufruire dell’assistenza di base garantita ai cittadini australiani, per un periodo inferiore ai 180 giorni dall’ingresso del paese. Vi consiglio comunque di sottoscrivere un’assicurazione sanitaria a parte, per coprire quelle spese mediche straordinarie che vanno al di là delle necessità sanitarie garantite da questo accordo.

Così, stipulando una polizza a parte, sarete coperti per qualsiasi spesa ospedaliera extra o per eventuali rimpatri anticipati o prolungamenti del soggiorno per motivi di salute. Viene inoltre richiesto il certificato di vaccinazione contro la febbre gialla per tutti i viaggiatori superiori all’età di un anno, che entrano in Australia entro 6 giorni dall’aver soggiornato in un paese a rischio della trasmissione della malattia. Non sono previste altre vaccinazioni obbligatorie, ma sono consigliate quelle contro epatite A e B, febbre gialla, malaria e tifo.

Assicurazioni viaggio

L’Australia è un paese dove vivono animali estremamente pericolosi e velenosi, come squali, coccodrilli, ragni e serpenti. Nuotate sempre tra le bandierine rosse e gialle, che indicano le zone tranquille dove non arrivano gli squali, evitando invece di nuotare in fiumi o estuari per non incontrare coccodrilli. Se praticate immersioni o snorkeling indossate sempre abbigliamento protettivo per proteggervi dalle meduse ed altri animali urticanti. Durante le escursioni indossate calzature protettive contro i morsi di animali velenosi.

Il sole in Australia è molto forte, quindi vi consiglio di indossare sempre capello ed occhiali da sole, portandovi una protezione solare non inferiore a 30. Oltre a squali e meduse un’altra insidia del mare sono le cosiddette “rips“, cioè correnti molto forti. Anche in questo caso nuotate sempre tra le bandierine di sicurezza. Gli incendi sono molto frequenti, quindi non accendete fuochi e piantate la tenda per campeggiare negli spazi appositi. Infine se guidate nelle zone più remote e selvagge dell’Australia, informate qualcuno e portate con voi GPS e due ruote di scorta.

Dopo aver ricordato queste poche semplici regole, dettate per lo più dal buon senso, non vi rimane che godervi la vostra vacanza in Australia.

Condivi l'Articolo!Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Lascia un Commento

commenti