YabunOgni anno, in occasione dell’Australia Day, sono organizzati festival ed eventi e lo Yabun Festival fa la sua comparsa a Sydney, celebrando gli aborigeni australiani con 24 ore dedicate a loro.

Fra balli, canti, musica infinita e incontri culturali, la storia e le tradizioni degli aborigeni vengono rivissute dagli oltre 15 mila visitatori che, annualmente, prendono parte a questa celebrazione, la più importante nel suo genere.

Yabun Festival

Yabun Festival – Un solo giorno, tanto da vedere

Lo Yabun Festival, evento inaugurato nel 2003, viene celebrato ogni 26 Gennaio, localizzato precisamente al Victoria Park, a Camperdown, sul suolo che anticamente apparteneva ai Gadigal.

Durante lo scorrere delle ore, a partire dalla prima mattina fino al tardo pomeriggio, si susseguono artisti di ogni genere. Si passa dai canti e balli della tradizione aborigena, eseguiti dagli artisti più famosi del continente alle esibizioni di artisti emergenti, che possono, fino a qualche settimana prima dell’evento, presentare le applicazioni per la partecipazione.

Lo Yabun Festival, dunque, da spazio veramente a tutti, giovani o esperti, ed anche a politici e oratori che discutono insieme ai partecipanti all’evento delle tradizioni, della cultura e del passato degli aborigeni.

Fra aree tematiche, concerti e discorsi, si può persino trovare uno spazio tutto dedicato ai più piccoli, facendo di questo festival l’evento perfetto per le famiglie.

Festival aborigeno

Yabun Festival durante gli scorsi anni

Tanti sono gli artisti, provenienti da ogni parte dell’Australia, che si sono susseguiti durante i Festival passati. Tra le personalità più importanti si ritrovano il musicista Archie Roach, che ha deliziato il pubblico nel 2013 con un repertorio di canzoni tratte dal suo ultimo album, il cantautore australiano Dan Sultan, Wilma Reading e Dizzy Doolan, la regina dell’hip hop. Fra le esibizioni più particolari si ritrovano quelle di Constantina Busth, artista del burlesque e quella del gruppo rock Mop and The Drop Outs.

Sul versante dibattiti culturali si sono susseguiti il National Centre of Indigenous Excellence, il Wirringa Bay Aboriginal Women’s Legal Centre e addirittura l’Amnesty International. Evento ricorrente, molto apprezzato, è la presenza delle “Culture and Speak Out tents”, che includono i discorsi di molte personalità influenti legate al mondo degli aborigeni australiani, compreso Kevin Cook con il suo tradizionale discorso di apertura.

Attrazione ricorrente negli anni è la Kids Zone, riservata ai bambini. Con spettacoli di marionette, recite, racconti e letture, anche i più piccoli possono divertirsi alla scoperta del mondo aborigeno. Tra le attività più apprezzate dai giovani visitatori ci sono le Mini Olimpiadi e il Campo dei Gladiatori.

Infine, a dare un’impronta ancor più indigena al Yabun Festival, si sono presentati sul palco dello Yabun la Doonooch Dancers Company e gli Urban Zenadth Kes, che con il loro stile di ballo, tipicamente aborigeno, rappresentano in pieno la cultura degli antichi abitanti dell’Australia.

Lascia un Commento

commenti

1 commento