Onda Solare, la squadra italiana - World Solar Challenge 2011Onda Solare, unico team italiano che partecipa alla World Solar Challenge 2011, è un gruppo entusiasta ed eterogeneo i cui membri sono artigiani specializzati, ingegneri, imprenditori, studenti e docenti del Dipartimento di Ingegneria Elettrica dell’Università di Bologna e dell’IPSIA Ferrari di Maranello, istituto superiore che da quasi vent’anni sviluppa prototipi ad emissioni zero.

Onda Solare parteciperà al Challenge con il veicolo solare Emilia 2: la solar car italiana nasce dalla passione, dall’alta artigianalità e da quell’ingegno senza pari tipico della terra emiliana. E’ l’espressione più alta e sincera di una terra di motori che, forte della propria storia gloriosa, guarda al futuro dedicandosi ad elaborare nuovi modelli di sviluppo e mobilità sostenibile.

 Il team italiano condivide con gli altri partecipanti al WSC la volontà di mettersi alla prova per dimostrare che esistono alternative possibili alla tradizionale mobilità endotermica, ormai troppo costosa per l’Uomo e per il Pianeta: la ricerca che il team Onda Solare promuove è orientata a forme nuove e “altre” di mobilità, comunque sostenibili.

Onda solare in Australia

Il carburante può essere l’energia del sole, come per Emilia 2 oppure l’energia muscolare come nel caso della singolare Carrera Autopodistica che si corre ogni anno a Castel San Pietro Terme (Bo), sfida avvincente tra piccoli bolidi a spinta umana.

Per molti del gruppo questa sarà la prima avventura australiana, mentre per altri sarà un ritorno dato che nel 2005 in Australia l’energia solare e quella muscolare determinarono una sinergia vincente per l’Italia.

In una massacrante gara a tappe di 3.000 km nel deserto, la World Solar Cycling Challenge, quattro fortissime atlete cicliste hanno portato sul podio, al terzo posto assoluto, un altro prototipo ad emissioni zero concepito da Onda Solare: Emilia I, triciclo a pedalata assistita da un motore elettrico alimentato da pannelli fotovoltaici.

Questo successo ha incoraggiato il team a puntare ad un obiettivo più grande: sviluppare Emilia II e partecipare alla World Solar Challenge 2011.

Perchè, citando le parole di Walter Bonatti, se ti è nato il gusto di scoprire, non potrai che sentire il bisogno di andare più in là.

Onda Solare made in Italy

La solar car italiana nasce dalla passione, dall’alta artigianalità e da quell’ingegno senza pari tipico della terra emiliana: è l’espressione più alta e sincera di una terra di motori che, forte della propria storia gloriosa, guarda al futuro dedicandosi ad elaborare nuovi modelli di sviluppo e mobilità sostenibile.

Ormai è (quasi) tutto pronto per la partenza: il prototipo solare verrà spedito il 22 settembre alla volta di Darwin, mentre il team partirà il 2 ottobre. Emilia 2 sarà sulla linea di partenza di Darwin il 16 ottobre.

Tutti sono in fermento per la presentazione ufficiale al Museo Ferrari di Maranello e per la preparazione di una sfida che si preannuncia epica: continuate a seguire la squadra italiana su www.ondasolare.com oppure su facebook.

E naturalmente se vi trovate in Australia, a Darwin o Adelaide oppure da qualche parte lungo la Stuart Highway, passateci a salutare e fate il tifo per noi!

Per vedere tutte le foto visitate www.flickr.com/photos/ondasolare

Grazie a Francesca Zanetti per l’articolo e un augurio di buona fortuna a Stefano Maglio e a tutto il Team Italiano. Forza ragazzi!

Lascia un Commento

commenti

1 commento
  1. daje che vinciamo!